Home Uncategorized Camorra, Tina Rispoli resta in carcere. Il pentito: “E’ lei il capo del clan Marino”

Camorra, Tina Rispoli resta in carcere. Il pentito: “E’ lei il capo del clan Marino”

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

Salvatore Tamburrino, un collaboratore di giustizia che ha fornito un contributo cruciale all’arresto di Marco Di Lauro, ex reggente del potente clan di camorra di Secondigliano, ha rivelato dettagli sorprendenti sul ruolo predominante di Tina Rispoli, conosciuta come Titina, all’interno del clan Marino.

Questo clan, fondato dal padre Paolo, noto come “Ciruzzo o’ milionario”, è stato uno dei protagonisti principali nella gestione di una delle più grandi piazze di spaccio d’Europa e ha guidato sanguinose faide che hanno causato centinaia di vittime.

Secondo Tamburrino, Tina Rispoli è il capo indiscusso del clan Marino

Una posizione di potere che ha ereditato dopo la gestione precedente del marito Gaetano Marino, soprannominato “moncherino”, e del fratello Gennaro, conosciuto come McKay. Questa rivelazione è stata confermata dai giudici del tribunale del Riesame di Napoli, che hanno classificato Tamburrino come un collaboratore di estremo rilievo, garantendo così una validità considerevole alle sue dichiarazioni.

Le parole di Tamburrino

Hanno gettato una nuova luce sulle dinamiche interne del clan Marino, sottolineando il ruolo preminente di Titina Rispoli. Rispoli, secondo Tamburrino, non solo esercitava un controllo totale sulla famiglia, ma godeva anche di considerevoli risorse finanziarie che le permettevano di sostenere affari con altri gruppi criminali, tra cui il notorio clan Di Lauro.

Queste informazioni hanno fornito al procuratore antimafia Maurizio De Marco una preziosa panoramica sul funzionamento interno del clan Marino, che era noto per la gestione di una redditizia piazza di spaccio situata nelle cosiddette “Case Celesti” di Secondigliano.

Le dichiarazioni di Tamburrino accolte con grande interesse dalla Procura di Napoli, poiché hanno offerto un quadro dettagliato delle attività criminali del clan Marino e hanno contribuito a consolidare le accuse contro Rispoli e altri membri del clan.

Nonostante l’opposizione da parte degli avvocati di Rispoli, il tribunale del Riesame di Napoli ha confermato l’arresto in carcere della donna, sulla base delle evidenze fornite da Tamburrino e dalle indagini condotte dalla DDA. (Fonte: Internapoli)

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno