Home Uncategorized Sandra Milo, la camera ardente in Campidoglio. Il figlio: «Le ho stretto la mano fino all’ultimo»

Sandra Milo, la camera ardente in Campidoglio. Il figlio: «Le ho stretto la mano fino all’ultimo»

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Il feretro di Sandra Milo, iconica attrice scomparsa ieri a Roma all’età di 90 anni, è giunto in Campidoglio, nella sala della Protomoteca, dove è stata allestita la camera ardente.

L’assessore alla Cultura di Roma Capitale, Miguel Gotor, ha accolto il feretro, mentre i tre figli dell’attrice, Azzurra, Ciro e Deborah, erano presenti per rendere omaggio alla madre. La camera ardente sarà aperta al pubblico fino alle 19 di oggi, mentre i funerali sono previsti per domani alle 12 nella Chiesa degli Artisti, a piazza del Popolo.

Il ricordo dei figli di Sandra Milo

Debora Ergas, figlia di Sandra Milo, ha condiviso commosse parole ricordando la madre come una donna libera e una grande testa. Ha sottolineato il ruolo di Sandra Milo come una madre che ha sempre condiviso gioie e dolori con i suoi tre figli. Debora ha evidenziato l’impegno civile della madre, la sua lotta per i diritti delle donne, la sua generosità e il suo amore per gli animali. Ha ringraziato il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, per l’omaggio tributato a sua madre in Campidoglio.

La figlia ha raccontato il profondo impegno sociale e artistico di Sandra Milo, sottolineando come la madre abbia sempre donato tutto quello che ha guadagnato a chi ne aveva più bisogno. Debora ha espresso gratitudine per il supporto ricevuto dai giornalisti e dai media, evidenziando il rispetto mostrato durante il difficile periodo.

Concludendo il suo ricordo, Debora ha ringraziato tutti coloro che hanno manifestato affetto e stima nei confronti di Sandra Milo, ricordandola come una donna che ha lasciato un’impronta di dignità, indipendenza e amore nel cuore di chi l’ha conosciuta.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Auto invade la corsia opposta e si schianta contro una moto: perde la vita il carabiniere Daniele Caradio, lascia una figlia e la moglie

Le strade della provincia bolognese sono nuovamente segnate da una tragedia, questa volta coinvolgendo il 43enne Daniele Caradio, carabiniere presso il Comando Provinciale di Bologna. Daniele aveva trascorso alcuni anni nella Compagnia di San Lazzaro di Savena prima di approdare al suo attuale incarico.

La fatalità ha colpito Daniele sulla strada San Vitale, un percorso che conosceva bene e che affrontava tutte le sere a bordo della sua amata moto per fare ritorno a casa a Medicina. Purtroppo, questa sera, il destino gli ha riservato una tragica sorpresa sulla carreggiata.

Intorno alle 21, dopo aver concluso il suo turno di lavoro a Bologna, Caradio si è messo in sella alla sua Ducati rossa e nera. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno