Home Uncategorized Travolta da una catasta di legna, Ombretta Castellani muore sul colpo: era una giovane infermiera

Travolta da una catasta di legna, Ombretta Castellani muore sul colpo: era una giovane infermiera

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

Una tragedia ha colpito Roncade, dove Ombretta Castellani, un’infermiera di 50 anni, è morta sul colpo dopo essere stata travolta da una catasta di legna nel cortile della propria abitazione. L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di ieri, 31 gennaio, poco dopo le 16.30 in via Erbe.

I vicini di casa hanno dato l’allarme sentendo un forte rumore. Nonostante la prontezza della segnalazione, la donna non ha avuto scampo, essendo stata schiacciata dal peso della legna che le è piombata addosso. In base a una prima ricostruzione, la 50enne, che si trovava da sola in casa, è stata investita dalla legna accatastata, rovinando a terra.

L’arrivo immediato dei carabinieri e degli operatori del Suem 118 non ha potuto far altro che constatare il decesso di Ombretta Castellani

I vigili del fuoco, allertati inizialmente per i soccorsi, sono rientrati poiché il corpo della donna era già stato liberato. La trappola mortale costituita dalla catasta di legna ha reso impossibile qualsiasi intervento di salvataggio.

Si tratta di un evento tragico che ha colpito la comunità locale, lasciando familiari e amici addolorati per la perdita di Ombretta Castellani, una figura professionale dedicata al servizio sanitario.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Ilaria Salis, il portavoce di Orban posta il video dell’aggressione “antifa”: «Reati gravi, le catene misure adeguate»

La situazione di Ilaria Salis, la 39enne detenuta in Ungheria per l’aggressione a due militanti di estrema destra, si complica ulteriormente. Durante la prima udienza del processo, due giorni fa, è apparsa in aula con mani e piedi legati, trascinata da una guardia in catene.

Il portavoce del premier ungherese Viktor Orban, Zoltan Kovacs, ha reagito duramente su X, utilizzando parole forti contro l’insegnante lombarda e pubblicando il video dell’aggressione.

Kovacs sostiene che i reati di Ilaria Salis siano gravi, sia a livello nazionale che internazionale, e che le misure adottate nel processo siano adeguate alla gravità dell’accusa. Inoltre, mette in discussione la credibilità di Salis, citando false dichiarazioni riguardo alla sua istruzione, situazione familiare e relazioni personali.Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno