Home Uncategorized Napoli, guardia giurata spara alla moglie e si barrica in casa: colpi di pistola contro polizia e passanti

Napoli, guardia giurata spara alla moglie e si barrica in casa: colpi di pistola contro polizia e passanti

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Un uomo armato si è barricato sul balcone di casa nel quartiere San Giovanni a Teduccio, nella periferia est di Napoli, e ha iniziato a sparare in aria con una pistola. La polizia è intervenuta sul posto, interdicendo l’area per garantire la sicurezza circostante.

Le motivazioni dietro questo gesto non sono ancora chiare. Inviate sul luogo dell’incidente unità operative di primo intervento e un negoziatore della Polizia di Stato per cercare di stabilire un contatto con l’uomo e ricostruire la dinamica dell’accaduto, inclusa la possibilità di coinvolgimento di altre persone.

Gli investigatori non escludono nessuna possibilità al momento, nemmeno quella che l’uomo possa aver fatto del male alla moglie o ai figli. Tuttavia, non sarà possibile confermare alcuna ipotesi finché non verrà consentito agli agenti di entrare nell’abitazione.

Intanto, scuole e edifici circostanti sono stati messi in sicurezza, mentre un elicottero sorvola la zona per monitorare la situazione dall’alto.

Napoli, l’uomo è un ex guardia giurata

Secondo quanto riferito dai vicini, l’uomo è un ex guardia giurata che ha perso il lavoro, forse a seguito di un tentativo di furto della sua pistola durante il quale è stato ferito. Si sa che ha tre figli, due dei quali erano a scuola al momento dell’incidente, mentre il terzo era in gita con la classe. Non è chiaro se la moglie dell’uomo si trovi all’interno dell’abitazione o meno.

La polizia sta valutando le strategie logistiche e temporali per penetrare nell’abitazione e impedire all’uomo di fare ulteriori danni. Sul posto sono presenti anche squadre speciali pronte ad intervenire per effettuare l’irruzione, mentre un negoziatore cerca di stabilire un contatto con l’uomo barricato.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Ha un malore improvviso mentre gioca a tennis, Raffaele Vannetiello si accascia a terra e muore

Un tragico evento ha segnato la fine della vita di un medico della ASL mentre praticava il suo sport preferito.

Raffaele Vannetiello, di 68 anni e originario di Pannarano, è deceduto probabilmente a causa di un infarto fulminante mentre giocava a tennis in un impianto sportivo di Benevento.

Il professionista, che in passato ha lavorato presso il distretto di Montesarchio, ha ricevuto immediati soccorsi da parte dei presenti sul campo da tennis e successivamente dal personale sanitario del 118. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno