Home Uncategorized Ha un forte mal d’orecchie, neonata ricoverata d’urgenza muore dopo una notte di agonia

Ha un forte mal d’orecchie, neonata ricoverata d’urgenza muore dopo una notte di agonia

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Una neonata di soli quattro mesi è deceduta martedì presso l’Ospedale all’Angelo di Mestre. La bimba portata in ospedale il giorno precedente a causa di un forte mal d’orecchie, ma al momento del ricovero, le sue condizioni non sembravano destare particolare preoccupazione.

Tuttavia, si è verificato un improvviso peggioramento che ha portato alla tragica morte della neonata, secondo quanto riportato dal Gazzettino.

Gli specialisti dell’ospedale dell’Ussl Serenissima sono attualmente privi di spiegazioni sulla causa del decesso, e pertanto è stata presa la decisione di eseguire un’autopsia sul piccolo corpo, programmata per oggi.

Questo procedimento è una prassi in casi simili, mirata a fornire una spiegazione a eventi così drammatici che colpiscono le famiglie. Successivamente, secondo il Gazzettino, potrebbe essere avanzata una segnalazione alla Procura per l’avvio di un’indagine.

I genitori della neonata, allarmati dal dolore della bambina, si erano recati in ospedale, ma il quadro clinico iniziale non aveva suscitato preoccupazioni tra i medici della Pediatria, che comunque avevano deciso di ricoverarla. Il peggioramento si è verificato nella notte tra lunedì e martedì.

La piccola, nata a fine settembre, non aveva mai presentato problemi di salute, alimentandosi, dormendo e crescendo normalmente fino all’inizio di questa settimana, quando ha manifestato sintomi di malessere. La morte della neonata giunge poche settimane dopo il decesso di Beatrice Angela Gobbo, 5 anni, di Padova, anch’essa avvenuta in ospedale in seguito a un’infezione scatenata da diversi virus, un caso ancora oggetto di approfondimenti.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Ilaria Salis, il portavoce di Orban posta il video dell’aggressione “antifa”: «Reati gravi, le catene misure adeguate»

La situazione di Ilaria Salis, la 39enne detenuta in Ungheria per l’aggressione a due militanti di estrema destra, si complica ulteriormente. Durante la prima udienza del processo, due giorni fa, è apparsa in aula con mani e piedi legati, trascinata da una guardia in catene.

Il portavoce del premier ungherese Viktor Orban, Zoltan Kovacs, ha reagito duramente su X, utilizzando parole forti contro l’insegnante lombarda e pubblicando il video dell’aggressione.

Kovacs sostiene che i reati di Ilaria Salis siano gravi, sia a livello nazionale che internazionale, e che le misure adottate nel processo siano adeguate alla gravità dell’accusa. Inoltre, mette in discussione la credibilità di Salis, citando false dichiarazioni riguardo alla sua istruzione, situazione familiare e relazioni personali.Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno