Home Uncategorized Loredana Belluno e Luigi Sorrentino incastrati dal pentito Gaetano Vigilia: “Droga e armi per il clan Troncone”

Loredana Belluno e Luigi Sorrentino incastrati dal pentito Gaetano Vigilia: “Droga e armi per il clan Troncone”

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

CASO LOREDANA BELLUNO. Nel novembre del 2023, Gaetano Vigilia, ex membro della malavita di Soccavo, decide un’incredibile svolta nella sua vita passando dalla parte dello Stato e pentendosi dei suoi trascorsi criminali.

Nipote del capoclan Alfredo Vigilia “’o nir”, il giovane aveva alle spalle una serie di precedenti e due agguati falliti, un peso che lo ha spinto a collaborare con la giustizia per abbandonare definitivamente il mondo criminale.

Tra le sue rivelazioni più scioccanti, Vigilia ha parlato della vicinanza di Luigi Sorrentino e di sua moglie Loredana Belluno al clan Troncone, implicandoli in presunti reati legati al traffico di droga. I coniugi Sorrentino-Belluno sono ora accusati di detenzione di droga a fini di spaccio, con ulteriori aggravanti.

Nel corso delle indagini, i carabinieri del nucleo investigativo di Napoli hanno perquisito l’appartamento della coppia, trovando e sequestrando 20mila euro in contanti, dosi di cocaina e numerosi orologi di pregio. Vigilia ha fornito dettagli sul coinvolgimento di Sorrentino nel traffico di droga, affermando di acquistare la sostanza da lui e accusandolo di cedere armi e munizioni al clan Troncone.

Svelato nascondiglio di Loredana Belluno e Luigi Sorrentino

Il pentito ha anche svelato un nascondiglio nella casa della coppia, descrivendo uno spazio di un metro quadro dietro una scarpiera, utilizzato per occultare droga o altri oggetti illeciti. Ha evidenziato che Sorrentino gestisce il traffico di droga telefonicamente, vendendola anche all’interno della loro abitazione, che è sorvegliata da un numero significativo di telecamere.

Va sottolineato che le accuse di Vigilia sono ancora da dimostrare e il provvedimento cautelare è stato disposto in sede di indagini preliminari. I destinatari delle accuse sono presumibilmente innocenti fino a una sentenza definitiva, e sono ammessi mezzi di impugnazione contro la misura cautelare.

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno