Home Uncategorized Giovanna Pedretti, un consulente informatico valuterà se la recensione sul ristorante fosse vera o falsa

Giovanna Pedretti, un consulente informatico valuterà se la recensione sul ristorante fosse vera o falsa

by redazione
0 comment 2 minutes read

La tragica morte di Giovanna Pedretti, titolare della pizzeria Le Vignole a Sant’Angelo Lodigiano (Lodi), ha preso una svolta inaspettata con il coinvolgimento di un consulente informatico nelle indagini condotte dall’avvocata Simona Callegari, rappresentante legale della famiglia della vittima. La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Corriere della Sera.

Il motivo di tale coinvolgimento risiede nella particolare vicenda che ha preceduto la morte della ristoratrice. Giovanna Pedretti è finita sotto i riflettori quando ha risposto a una recensione omofoba sul suo locale su Google. Successivamente, è emersa l’ipotesi che il commento anonimo potesse essere fasullo. Sabato 13 gennaio, i carabinieri di Lodi hanno convocato la donna in caserma per discutere del controverso testo, considerandola una persona informata sui fatti e potenziale vittima.

La tragica svolta si è verificata domenica 14 gennaio, quando il corpo di Giovanna Pedretti è stato ritrovato nel fiume Lambro. L’autopsia iniziale ha confermato che la causa della morte è stata l’annegamento, ma la donna presentava anche alcune ferite superficiali presumibilmente provocate da una lametta. La Procura di Lodi ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, ma gli investigatori stanno valutando se la recensione su Google, inizialmente postata e poi eliminata, fosse autentica o falsa. Per affrontare questo aspetto, l’avvocata della famiglia ha deciso di coinvolgere un consulente informatico.

Il mistero intorno alla morte di Giovanna Pedretti si infittisce, e la sua famiglia si prepara a vivere il funerale che si terrà lunedì. La legale ha dichiarato a Fanpage.it: “È una grossa tragedia per la famiglia. È fondamentale per loro poter vivere il proprio dolore in pace e tranquillità. Le indagini sono ancora agli inizi, e credo che la pressione mediatica sin dall’inizio non abbia aiutato chi non è abituato a gestire situazioni simili con l’ambiente televisivo o giornalistico.”

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno