Home Uncategorized Precipita in una bocca di lupo mentre lavora: Giacomo Sandrini muore dopo sette giorni di agonia

Precipita in una bocca di lupo mentre lavora: Giacomo Sandrini muore dopo sette giorni di agonia

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Giacomo Sandrini, noto anche come James, è deceduto in ospedale a seguito dei gravi traumi subiti durante una caduta avvenuta una settimana fa. L’incidente si è verificato mentre stava lavorando fuori dal Caffè Sport di Piazza Dallò a Castiglione delle Stiviere.

Sandrini stava pulendo la grata di un tombino e, dopo aver rimosso la prima grata, si è appoggiato sulla seconda, che ha ceduto sotto il suo peso facendolo precipitare per oltre 4 metri in una bocca di lupo.

Dopo la tragedia, è stata immediatamente chiamata assistenza al 112. Sul luogo sono intervenuti l’automedica e un’ambulanza di Soccorso Azzurro, mentre un elicottero è stato inviato da Verona.

Sandrini è stato intubato, stabilizzato e trasportato d’urgenza all’ospedale veronese di Borgo Trento, dove è rimasto ricoverato in condizioni critiche nel reparto di Rianimazione per sette giorni. Purtroppo, la sua battaglia per la vita si è conclusa in modo tragico mercoledì.

Giacomo Sandrini aveva 49 anni

La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi. La salma verrà presto riconsegnata ai familiari dopo gli accertamenti di rito, permettendo l’organizzazione del funerale. La comunità è in lutto per la perdita di una persona apprezzata e stimata. (Fonte: Bresciatoday)

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Giulia Tramontano, Impagnatiello in lacrime davanti al giudice: «Non vivo più, ogni mattina spero di non svegliarmi»

“Chiedo scusa della mia disumanità”. Nella giornata dell’apertura del processo per l’omicidio di Giulia Tramontano, perpetrato da Alessandro Impagnatiello, ex barman trentenne, il caos ha travolto la prima Corte di Assise di Milano. Poco prima dell’inizio dell’udienza, giornalisti e curiosi sono stati fatti uscire, e l’aula si è dimostrata insufficiente a gestire l’afflusso di persone interessate al caso.

A seguito dell’intervento del presidente del tribunale, Fabio Roia, la Corte ha preso la decisione di trasferire l’udienza nella maxiaula della prima Corte d’Assise d’Appello per garantire un ambiente più adeguato e organizzato. Le richieste di costituzione di parte civile da parte dei familiari, del Comune di Senago, dell’associazione Penelope e dell’associazione campana Polis sono al vaglio dei giudici in camera di consiglio. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno