Home Uncategorized Crollo a Firenze, i morti sono cinque. Giani: «Trovato il corpo anche dell’ultimo operaio disperso»

Crollo a Firenze, i morti sono cinque. Giani: «Trovato il corpo anche dell’ultimo operaio disperso»

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

La tragedia nel cantiere del supermercato di via Mariti a Firenze ha assunto dimensioni ancora più devastanti. Recuperato il corpo di un altro operaio, portando il bilancio delle vittime a cinque.

Non c’è più speranza di ritrovare vivo l’ultimo operaio disperso, ha confermato il presidente della Regione Giani, descrivendo la situazione come drammatica. L’incidente, provocato dal cedimento di una trave, ha scatenato un crollo a catena dei solai, coinvolgendo otto persone impegnate nella costruzione del supermercato Esselunga.

Le operazioni di ricerca e salvataggio dei vigili del fuoco, che hanno impiegato un’enorme quantità di risorse umane nella speranza di trovare sopravvissuti, hanno continuato senza sosta. Tuttavia, nonostante gli sforzi titanici, il bilancio resta tragico: quattro morti, tre feriti e un disperso. Tra le vittime, figura Luigi Coclite, un italiano di 60 anni, mentre i tre feriti sono tutti di origine rumena.

La città di Firenze e la regione toscana in lutto

Il sindaco Dario Nardella ha annunciato un momento di raccoglimento con un minuto di silenzio in piazza della Signoria. Nel frattempo, la Procura ha avviato un’inchiesta per crollo colposo e omicidio colposo plurimo, senza al momento individuare degli indagati. Il cantiere è stato posto sotto sequestro, mentre sono in corso verifiche medico-legali per chiarire le cause del disastro.

Questa tragedia ha scatenato una reazione a livello nazionale, con la Cgil e la Uil che hanno proclamato due ore di sciopero nazionale per mercoledì 21 febbraio, mentre la Cisl ha annunciato una mobilitazione contro le morti e gli infortuni sul lavoro. Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, ha sottolineato la necessità di contrastare la logica del subappalto e degli appalti al massimo ribasso, che, secondo lui, hanno contribuito a questa tragedia inaccettabile.

Inoltre, è emerso che l’azienda committente e la ditta appaltatrice coinvolte nel crollo a Firenze sono le stesse degli incidenti avvenuti in un altro cantiere di un supermercato Esselunga a Genova un anno fa. Anche in quel caso, vi erano state segnalazioni di violazioni delle norme di sicurezza, anche se fortunatamente senza vittime. Questo solleva interrogativi sulla sicurezza nei cantieri gestiti da queste aziende, richiedendo un’indagine approfondita per assicurare che simili tragedie non accadano mai più.

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno