Home Uncategorized È morto Vittorio Emanuele di Savoia, aveva 86 anni

È morto Vittorio Emanuele di Savoia, aveva 86 anni

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

E’ morto Vittorio Emanuele di Savoia, figlio di Umberto II, l’ultimo re d’Italia, e di Maria José. Il principe avrebbe compiuto 87 anni il prossimo 12 febbraio. Il decesso è avvenuto a Ginevra.

La notizia è stata ufficialmente comunicata dalla ‘Real Casa di Savoia’ attraverso una nota, nella quale si legge: «Alle ore 7.05 di questa mattina, 3 febbraio 2024, Sua Altezza Reale Vittorio Emanuele, Duca di Savoia e Principe di Napoli, circondato dalla Sua famiglia, si è serenamente spento in Ginevra. Luogo e data delle esequie saranno comunicati appena possibile».

La scomparsa di Vittorio Emanuele di Savoia

Rappresenta una perdita significativa, non solo per la famiglia reale, ma per l’intera nazione. La comunità si unisce nel cordoglio per commemorare la memoria di un uomo che ha rappresentato una parte importante della storia italiana.

Il dolore delle guardie del Pantheon

Eravamo preparati da tempo, ma la notizia ci ha profondamente addolorato. La vita del principe Vittorio Emanuele è stata estremamente sfortunata, ha subito massacri per tutta la sua esistenza. Purtroppo, gran parte della stampa ha utilizzato ogni sua azione a suo svantaggio.

Il capitano di vascello Ugo D’Atri, presidente dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, ha ricordato all’Adnkronos: “Nel 2006, fu arrestato, ma poi si scoprì che non c’era nulla contro di lui. Inoltre, la morte del ragazzo tedesco per un colpo di pistola, mentre il principe teneva un fucile in mano e non poteva essere lui, è un altro episodio. Tuttavia, nell’immaginario collettivo, è sempre stato accusato. Nessuno si è mai chiesto quanto abbia sofferto, tranne coloro che erano intorno a lui, come noi Guardie d’Onore. Ha ricevuto meno nella vita di quanto meritasse. È nato in una reggia, destinato a diventare Re, ma a 9 anni è stato esiliato, un periodo che è durato 57 anni, gran parte della sua esistenza. Una situazione medievale, inumana, anacronistica, assurda nel XX secolo”.

Il presidente D’Atri ha aggiunto: “Il principe Emanuele Filiberto mi ha chiamato un’ora fa, annunciando che la famiglia ha l’intenzione di portarlo a Superga”.

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno