Home Uncategorized Investito da due pirati della strada mentre era in sella alla sua bici: muore papà di 4 figli, aveva solo 45 anni

Investito da due pirati della strada mentre era in sella alla sua bici: muore papà di 4 figli, aveva solo 45 anni

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

Una tragedia si è consumata ieri pomeriggio a Castel Volturno, dove un muratore di 45 anni originario del Ghana travolto e ucciso da un’auto in corsa mentre si trovava in sella alla sua bicicletta. La vittima, padre di 4 figli, colpita con grande violenza, sbalzata dal sellino della bicicletta e proiettata in aria per diversi metri, per poi schiantarsi contro il muro di un’abitazione nelle vicinanze.

L’auto coinvolta nell’incidente è una Fiat Bravo di colore bianco, a bordo della quale c’erano due persone. Invece di prestare soccorso al ciclista, i due pirati della strada hanno abbandonato la vettura e sono fuggiti via a piedi.

La Polizia Stradale, in collaborazione con il Commissariato di Castel Volturno, è sulle tracce dei fuggitivi, conducendo le indagini per fare luce su questo tragico episodio.

Castel Volturno in lacrime per il giovane papà

Secondo le prime ricostruzioni, il 45enne stava pedalando lungo la strada del Casertano quando è stato violentemente colpito dall’auto. Gli occupanti dell’auto, entrambi stranieri, hanno continuato la loro fuga dopo l’incidente, abbandonando il veicolo che aveva anche urtato un’altra auto prima di investire la vittima.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Giulia Tramontano, Impagnatiello in lacrime davanti al giudice: «Non vivo più, ogni mattina spero di non svegliarmi»

“Chiedo scusa della mia disumanità”. Nella giornata dell’apertura del processo per l’omicidio di Giulia Tramontano, perpetrato da Alessandro Impagnatiello, ex barman trentenne, il caos ha travolto la prima Corte di Assise di Milano. Poco prima dell’inizio dell’udienza, giornalisti e curiosi usciti dall’aula perché insufficiente a gestire l’afflusso di persone interessate al caso.

A seguito dell’intervento del presidente del tribunale, Fabio Roia, la Corte ha preso la decisione di trasferire l’udienza nella maxiaula della prima Corte d’Assise d’Appello per garantire un ambiente più adeguato e organizzato. Le richieste di costituzione di parte civile da parte dei familiari, del Comune di Senago, dell’associazione Penelope e dell’associazione campana Polis sono al vaglio dei giudici in camera di consiglio. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno