Home Uncategorized Ha un malore improvviso mentre è alla guida, Carmelo Sferrazza muore a 49 anni: lascia due figlie

Ha un malore improvviso mentre è alla guida, Carmelo Sferrazza muore a 49 anni: lascia due figlie

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

Una tragedia ha scosso la comunità di Costigliole d’Asti questa mattina, quando alle 8 uno schianto ha attirato l’attenzione dei residenti. Una Golf si è schiantata contro il muraglione del giardino pensile del castello, situato all’incrocio tra via Roma e via Brigate Garibaldine. La vittima, Carmelo Sferrazza, avrebbe compiuto 50 anni fra pochi giorni.

Non ci sono stati accenni di frenata, suggerendo la possibilità che il conducente abbia subito un malore prima dell’incidente. Carmelo, residente in frazione Madonnina, era padre di due figlie e dipendente della ditta di impianti di refrigerazione Rica, con sede nell’area Pip di Motta di Costigliole. Secondo quanto riportato, pochi istanti prima dell’incidente, si era fermato al bar in paese per prendere un caffè e poi era ripartito in auto.

Il cordoglio del sindaco di Costiglione per Carmelo Sferrazza

Il sindaco di Costigliole, Cavallero, è giunto sul posto per esprimere le condoglianze ai familiari a nome di tutta la comunità costigliolese. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti la polizia locale, i carabinieri di Costigliole e i vigili del fuoco. La comunità è addolorata per la prematura perdita di Carmelo Sferrazza. (Fonte: Lanuovaprovincia)

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Giulia Tramontano, Impagnatiello in lacrime davanti al giudice: «Non vivo più, ogni mattina spero di non svegliarmi»

“Chiedo scusa della mia disumanità”. Nella giornata dell’apertura del processo per l’omicidio di Giulia Tramontano, perpetrato da Alessandro Impagnatiello, ex barman trentenne, il caos ha travolto la prima Corte di Assise di Milano. Poco prima dell’inizio dell’udienza, giornalisti e curiosi sono stati fatti uscire, e l’aula si è dimostrata insufficiente a gestire l’afflusso di persone interessate al caso.

A seguito dell’intervento del presidente del tribunale, Fabio Roia, la Corte ha preso la decisione di trasferire l’udienza nella maxiaula della prima Corte d’Assise d’Appello per garantire un ambiente più adeguato e organizzato. Le richieste di costituzione di parte civile da parte dei familiari, del Comune di Senago, dell’associazione Penelope e dell’associazione campana Polis sono al vaglio dei giudici in camera di consiglio. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno