Home Uncategorized Terremoto a Palma Campania, arrestato il sindaco Aniello Donnarumma: corruzione e appalti truccati

Terremoto a Palma Campania, arrestato il sindaco Aniello Donnarumma: corruzione e appalti truccati

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Il sindaco del comune di Palma Campania, Aniello Donnarumma, insieme a due dipendenti comunali e cinque imprenditori, è stato destinatario di misure cautelari nell’ambito di un’indagine che ha portato all’emissione di un’ordinanza. Due dei coinvolti sono agli arresti domiciliari, tre sono sottoposti al divieto di dimora, e altri tre hanno il divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione per un anno. Le misure cautelari sono scaturite da indagini condotte tra il 2021 e il 2022 dal Nucleo Investigativo con l’assistenza della Stazione di Carbonara di Nola.

Le accuse a carico degli indagati includono reati di corruzione, turbata libertà degli incanti, falso in atto pubblico, depistaggio e subappalto non autorizzato. Le indagini hanno rivelato presunte irregolarità nella gestione del comune di Palma Campania, caratterizzata dall’asservimento sistematico dei poteri pubblici a interessi particolaristici e di natura clientelare. In particolare, si è sospettato che alcune procedure di gara per la manutenzione stradale, la cura delle aree verdi, i lavori di ristrutturazione scolastica e le operazioni di carotaggio su terreni interessati dallo sversamento di rifiuti siano state turbate per predeterminarne l’esito a favore di imprenditori predefiniti. Le indagini hanno inoltre rilevato episodi di presunta corruzione, dove la funzione pubblica sarebbe stata asservita all’aggiudicazione di appalti in cambio di denaro o altre utilità, anche a scopo elettorale.

Chi è Aniello Donnarumma per tutti Nello

Il biglietto da visita di Nello Donnarumma lo descrive come un giovane sindaco appassionato della sua terra. Negli anni precedenti, si era distinto per iniziative considerate “da sceriffo” nei confronti della comunità bengalese di Palma Campania. Queste iniziative includevano l’imposizione dell’esame di italiano e altre restrizioni ai residenti del Bangladesh nella città.

Nel maggio scorso, ha vinto le elezioni con il 64,2% delle preferenze, rimanendo il primo cittadino della città del Carnevale. Ha formato una coalizione con tre liste civiche e si è affiliato a Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni. Attualmente, riveste la carica di vicecommissario provinciale del partito a Napoli e è considerato uno dei possibili candidati al ruolo di coordinatore provinciale.

Donnarumma ha introdotto misure per le comunità straniere a Palma Campania, lanciando un piano di incentivi per aprire nuovi negozi nel centro storico. I requisiti per l’accesso includevano insegne in italiano e la conoscenza della lingua nazionale. Per i negozi di alimentari, era richiesta la vendita di prodotti provenienti dal territorio regionale. Queste misure miravano a riqualificare il centro storico, valorizzandolo con esercizi di qualità che promuovessero le eccellenze locali. Il sindaco sottolineò che non c’era discriminazione verso gli immigrati, affermando che coloro che rispettavano le regole non avrebbero avuto problemi. Ha difeso la richiesta che chi gestisce un negozio parli italiano e utilizzi insegne nella stessa lingua.

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno