Home Uncategorized Massacro di Altavilla, una setta con 10 adepti dietro il massacro: i nomi nei telefoni di Barreca e dei complici

Massacro di Altavilla, una setta con 10 adepti dietro il massacro: i nomi nei telefoni di Barreca e dei complici

by Irene Viturri
0 comment 2 minutes read

Il caso del massacro di Altavilla Milicia sta rivelando sempre più dettagli inquietanti, e gli inquirenti sostengono ora che dietro questo tragico evento si cela una setta.

Secondo le autorità, ci sarebbero almeno dieci adepti identificati, tutti individuati attraverso l’analisi dei dispositivi informatici e telefonici appartenenti a Giovanni Barreca, il principale accusato dell’omicidio di sua moglie e due dei loro tre figli, insieme al cosiddetto “mental coach” Massimo Carandente e la sua compagna Sabrina Fina.

Il giudice per le indagini preliminari di Termini Imerese ha parlato di “una connotazione criminale più ampia”

“Fratelli di fede” che erano a conoscenza della situazione del nucleo familiare preso di mira. Tuttavia, resta da chiarire quanto effettivamente gli adepti della setta sapessero riguardo agli eventi che si svolgevano nella villetta teatro della tragedia.

L’ipotesi degli investigatori è che questi “fratelli di fede” potrebbero essersi limitati a pregare per la salvezza della famiglia Barreca, ma è ancora da verificare se fossero a conoscenza delle torture che hanno portato alla morte di Antonella Salamone e dei suoi figli Kevin e Emmanuel. Al momento, nessun membro del gruppo di preghiera è stato interrogato dagli inquirenti.

Anche la figlia 17enne di Barreca ha fornito importanti informazioni sul coinvolgimento della setta. Ha confessato di aver partecipato alle torture inflitte alla madre e ai fratelli, nel tentativo di “liberarli dal demonio”, ed è attualmente detenuta con le stesse accuse del padre e dei complici: omicidio aggravato e soppressione di cadavere.

Massacro Altavilla, Miriam si era finta il fratello inviando messaggi dal suo cellulare

Dagli accertamenti degli inquirenti è emerso un altro dettaglio sconcertante: la ragazza aveva inviato messaggi dal cellulare di Kevin, fingendosi il fratello, per giorni, al fine di non destare sospetti tra gli amici del giovane sulle terribili vicende che si stavano consumando in casa loro.

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno