Home Uncategorized Addio a Maria Letizia Micco, l’ultimo saluto alla giovane studentessa strappata alla vita a soli 20 anni

Addio a Maria Letizia Micco, l’ultimo saluto alla giovane studentessa strappata alla vita a soli 20 anni

by Irene Viturri
0 comment 3 minutes read

Oggi pomeriggio, alle ore 15, la Chiesa Evangelica di Benevento ospiterà i funerali di Maria Letizia Micco, una giovane di soli 20 anni proveniente da Sant’Angelo a Cupolo, tragicamente deceduta in un incidente lungo la strada statale 17, all’altezza di Volturino, nel Foggiano.

La terribile tragedia si è consumata lo scorso martedì, quando la ragazza si trovava a bordo di una Citroen C3 e si è scontrata frontalmente con un’altra auto, una Golf guidata da un uomo di 59 anni. Le circostanze esatte dell’incidente sono ancora oggetto di indagine.

Ciò che è certo è che Maria Letizia è purtroppo deceduta sul colpo

Studentessa dell’Università degli Studi del Molise, frequentava da due anni il Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione. L’Ateneo molisano ha espresso il suo cordoglio per la tragica perdita di Maria Letizia, definendola una studentessa impegnata e devota, nonché tutor alla pari presso l’Università. La comunità accademica si unisce al dolore della famiglia, degli amici e dei colleghi di corso.

La notizia della sua improvvisa scomparsa ha profondamente colpito la comunità di Sant’Angelo a Cupolo, che si è mobilitata per mostrare solidarietà alla famiglia nel momento del dolore. Sui social network, numerosi messaggi di addio e di commiato sono apparsi, tra cui quello di un amico che ricorda Maria Letizia come una “piccola anima” destinata a brillare tra le stelle.

In questo momento di lutto e dolore, l’intera comunità si unisce per dare a Maria Letizia l’ultimo saluto e per ricordare il suo spirito luminoso e il suo impegno nella vita e negli studi.

LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

Massacro di Altavilla, una setta con 10 adepti dietro il massacro: i nomi nei telefoni di Barreca e dei complici

Il caso del massacro di Altavilla Milicia sta rivelando sempre più dettagli inquietanti, e gli inquirenti sostengono ora che dietro questo tragico evento si cela una setta.

Secondo le autorità, ci sarebbero almeno dieci adepti identificati, tutti individuati attraverso l’analisi dei dispositivi informatici e telefonici appartenenti a Giovanni Barreca, il principale accusato dell’omicidio di sua moglie e due dei loro tre figli, insieme al cosiddetto “mental coach” Massimo Carandente e la sua compagna Sabrina Fina.

Il giudice per le indagini preliminari di Termini Imerese ha parlato di “una connotazione criminale più ampia”

“Fratelli di fede” che erano a conoscenza della situazione del nucleo familiare preso di mira. Tuttavia, resta da chiarire quanto effettivamente gli adepti della setta sapessero riguardo agli eventi che si svolgevano nella villetta teatro della tragedia. Continua a leggere qui

You may also like

Leave a Comment

Chi Siamo

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie sulla tua provinvia!

Ogni Voce, Ogni Storia, Ogni Giorno